Dispacci di agenzie sulla situazione siriana

29 agosto 2013 – “E anche da Mosca arrivano le prime mosse sul possibile nuovo campo d’operazioni. Il governo russo rafforzerà infatti la sua squadriglia navale nel Mediterraneo, inviando nei prossimi giorni una nave anti sommergibile della flotta del Nord e l’incrociatore lanciamissile Moskva della flotta del Mar Nero: lo ha riferito una fonte della Stato maggiore russo, citato dall’agenzia Interfax.” www.corriere.it

“ROMA – Usciremo “vincitori” da questo “storico scontro”: lo ha detto il presidente Bashar al Assad, citato stamani dal quotidiano libanese al Akhbar vicino al movimento sciita Hezbollah, che combatte in Siria a fianco delle forze lealiste. “Dall’inizio della crisi sapete bene che aspettiamo il momento in cui il nostro vero nemico sporga la testa in casa nostra…”, ha detto il presidente siriano ai suoi comandanti, secondo la ricostruzione di al Akhbar. “So che il vostro morale è alto e che siete pronti a contenere ogni aggressione e a proteggere la patria. Vi chiedo però di passare questo morale ai vostri sottoposti e ai cittadini siriani. Perché questo è uno scontro storico dal quale ne usciremo vincitori”, ha concluso Assad.” www.ansa.it

28 agosto 2013 – “IL CAIRO – Secondo alcuni siti di informazione il Generale egiziao Al-Sisi avrebbe ordinato di chiudere al traffico militare americano il Canale di Suez.
Si tratterebbe di una seria presa di posizione che farebbe traballare gli equilibri nel Mediterraneo. Sembra che il capo della giunta militare che ai primi di luglio ha rimosso dal potere l’ex presidente Mohammed Morsi e il suo governo della Fratellanza Musulmana, il Generale Al-Sisi, avrebbe annunciato di voler chiudere il canale di Suez in caso di guerra degli Stati Uniti alla Siria. Al-Sisi avrebbe ordinato di bloccare la strada ad alcuni incrociatori americani e ai tender di rifornimento per le unità navali di Washington già presenti nel Mediterraneo. Si tratterebbe, qualora venisse confermato, di un gesto di importanza strategica e diplomatica notevole, e mostra quanto pericoloso sia il gioco cui stanno giocando Obama e i suoi alleati in Medio Oriente.”
http://italian.irib.it/

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s