Comunisti e civismo – costruzione democratica di un futuro comune

Vorrei condividere una riflessione per la sinistra alternativa in Italia. Anzitutto molte voci si stanno levando contro ipotesi personalistiche sulla costruzione delle liste delle elezioni. Questa è una posizione corretta, molti militanti si esprimono su questo. Ma manca un’idea che sia in grado di trasmettere antichi ideali in un nuovo contesto sociale. In Italia paradossalmente, dopo una storia grande e preziosa come quella del PCI, stiamo assistendo alla grande illusione storica di un gruppo dirigente che usa parole e immaginario di sinistra per veicolare politiche di destra. Il PD è il fulcro di questa contraddizione, anche nelle sue propaggini ironiche delle pagine Facebook, e nonostante la vittoria di Renzi, il costume trasformista continua. Apparati senza più ideali, o semplicemente socialdemocratizzati, negano la ricostruzione al di fuori di essi di forze che si richiamino a quello che loro erano stati, cioè al comunismo.

La risposta per chi vuole un nuovo fronte a sinistra non sta più nelle forme di ieri. Non perché vanno rinnegate, come è stato il tentativo della sinistra vendoliana, ma perché vanno rivitalizzate con una nuova forma comunicativa che superi l’impasse e il grande equivoco PCI-PD che il senso comune delle persone, in Italia, ormai ha acquisito. Serve una spinta come quella grillina, solo con una base teorica che sia neomarxista. In Italia solo così si può uscire dalle secche.
Che ruolo possono avere i partitini comunisti rimasti in campo, e in particolar modo che ruolo può avere il Pdci che tra essi sembra sia quello più omogeneo e con una linea di sintesi maggiore tra realtà e idealità?

Anzitutto nessuna paura dell’ignoto. Nessun tipo di spirito ottuso e autoconservativo, che lo porterebbe ad assomigliare più a una setta che a un partito.
Sicuramente è necessario un movimento di massa, con una simbologia forte, antica e al contempo rinnovata, che trovi nelle sue fondamenta un Partito che lo sorregga, e questo non può che essere un partito comunista. Però vanno superate delle contingenze, con l’intelligenza di capire la fase, e pare che ancora molti non riescano a comprendere che è tempo di lanciare un’operazione comunicativa nuova, che si svincoli dal nostalgismo, essendo in grado al contempo di non scivolare nell’opportunismo.

Rivoluzione Civile aveva in sé troppe contraddizioni, ma c’è chi non è stato nemmeno in grado di vederne in nuce alcune potenzialità: da un lato la presenza di Di Pietro, l’eccessiva personalizzazione della lista comunque necessaria dati i tempi ristretti di presentazione, la dialettica malsana tra partiti non rinnovati e società civile anch’essa un pò incancrenita, un pò sempre la stessa.
Ma dall’altro una potenziale convivenza che, se incardinata in maniera corretta, poteva fare la differenza per tutti.
Le espressioni dei movimenti civici, di reale consistenza e non di qualche penna allegra e sempreverde, devono imparare ad accettare il ruolo e l’esperienza dei comunisti. I comunisti devono imparare a non fagocitare le dinamiche civiche, perché la coscienza di classe imposta abbiamo visto – e degli errori la Storia non fa sconti – che fine ha fatto fare a tutta una serie di esperienze di governo nel campo socialista.

soleUna strada reale, prima di tutte le discussioni contingenti su liste, listini e listoni, candidati… è un ricambio completo del gruppo dirigente CENTRALE dei partiti comunisti, se possibile unificati (se possibile), e una ripresa serrata con le forze REALI che si rifanno al civismo. Abolire il concetto generico di “società civile” poiché essa è omnicomprensiva per iscritti o non iscritti ai partiti, e ragionare sulla costruzione di un movimento comune, con dinamiche democratiche (pesi e contrappesi di gestione e ricorso referendario su alcune tematiche condivise); un movimento che abbia la forza comunicativa necessaria per porsi socialmente ed elettoralmente alla testa dei processi di cambiamento da rilanciare nel paese.

Luca Rodilosso

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s